Infarto: come riconoscere un attacco cardiaco

0
1205

Una patologia cardiaca che spaventa per la sua natura improvvisa: ma ci sono dei segnali da non sottovalutare, che se riconosciuti in tempo possono fare la differenza.

I sintomi dell’infarto

1. Dolore al petto

Tra i sintomi più comuni che precedono l’attacco cardiaco c’è sicuramente un forte dolore al petto, che si caratterizza per la sua profondità e pesantezza, simile a quando si riceve un pugno. È da considerarsi un codice rosso, perciò è fondamentale recarsi al più presto in pronto soccorso o chiamare il 118.

2. Sudorazione fredda

Sudare freddo è un altro campanello d’allerta dell’arrivo di un attacco cardiaco.

3. Difficoltà respiratorie e tachicardia

Soprattutto nelle donne, la difficoltà a respirare, in caso di infarto, è molto comune. Il cuore può talvolta prendere a battere rapidamente e in modo irregolare oppure in altri casi rallentare molto la frequenza.

4. Dolore al braccio sinistro

È forse il sintomo più frequente nei pazienti a rischio infarto è un dolore consistente al braccio sinistro.

Non bisogna sottovalutare anche l’intuito del nostro corpo, che può far provare una sensazione d’angoscia, la quale, unita ad uno dei sintomi precedentemente segnalati, aumenta la probabilità dell’infarto.

7 consigli per un cuore sano >> LEGGI L’ARTICOLO

Cosa succede al cuore in caso di infarto

infarto cuoreL’infarto si verifica in caso di arterosclerosi, ovvero, quando si forma un’ostruzione nelle arterie causata da placche coagulate di globuli bianchi e lipidi (ateromi), che blocca gradualmente il flusso sanguigno. Queste placche si formano a causa di una alimentazione e uno stile di vita scorretti, pressione e colesterolo alto, che spesso coincidono con lo stato di sovrappeso e obesità, ma anche per svariati problemi di salute, come il diabete e l’ipertensione arteriosa.

L’insufficiente flusso del sangue riduce drasticamente l’apporto di ossigeno e nutrienti alle cellule miocardiche, che muoiono nel giro di poche ore: il tessuto del cuore che veniva irrorato da quella coronaria va in necrosi.

In caso di infarto

Se si avvertono alcuni dei sintomi comunemente associati all’attacco di cuore, è importante chiamare subito il 118. Durante l’attesa, è utile mantenere la calma e restare a riposo. È poi consigliato assumere un’aspirina, che può aiutare a fluidificare il sangue, impedendo la formazione di trombi (coaguli di sangue) che posso causare ulteriori complicazioni come emboli o ischemie.

In caso in cui l’infarto si sia già verificato e vi segua l’arresto cardiocircolatorio e il cuore smette di pulsare, è infatti indispensabile iniziare subito il massaggio cardiaco. Il fattore tempo in questa situazione è davvero determinante: la probabilità di successo della defibrillazione diminuisce rapidamente al passare di ogni minuto, così come la quantità di tessuto cardiaco recuperabile.

 

chiamaci

049 687642

scrivici su whatsapp

391 7791019

RICEVI I NOSTRI INVITI AGLI EVENTI

Iscriviti adesso e riceverai tutte le offerte e le date degli eventi della farmacia